Antitrust -Agenzia debiti

 

Mostra rif. normativi

Legislatura 16 Atto di Sindacato Ispettivo n° 3-02813
Atto n. 3-02813

Pubblicato il 23 aprile 2012, nella seduta n. 714

LANNUTTI – Ai Ministri dello sviluppo economico e della giustizia. -

Premesso che:

la crisi economica e l’istigazione al debito, da parte di banche e finanziarie, ha provocato una drammatica situazione debitoria da parte di famiglie, piccole e medie imprese (PMI), artigiani, commercianti esposti con società finanziarie e di recupero crediti, che perseguitano spesso i debitori, perfino con ricorso allo stalking, minacce, telefonate ad ogni ora del giorno e della notte, configurando una vera e propria persecuzione per coloro che hanno perso il lavoro o non sono riusciti ad onorare le proprie scadenze;

ma per risolvere questi problemi, soggetti spregiudicati fingono di aiutare i debitori ad uscire dalla crisi debitoria, finendo per aggravare la situazione e, invece di condurre ad una riduzione del debito, lo fanno aumentare con richieste che rasentano l’estorsione. Si configurano rischi enormi derivanti dalla peggiore crisi economica, dalla perdita del posto di lavoro, dai messaggi subliminali e suadenti di banche e finanziarie che invitano a comperare oggi pagando a rate fra due-tre anni e hanno indotto molti cittadini a cadere nell’oppio di vite a rate drogate, dall’ideologia del debito, dal ricorso alla carte revolving, fenomeni che fanno perdere di vista la propria capacità di spesa e di onorare i prestiti contratti;

per contrastare il fiorente business fondato sull’angoscia e sulla disperazione e basato sulle promesse ingannevoli di risolvere e di sanare la propria esposizione debitoria, riducendola del 70 per cento, l’associazione di consumatori Adusbef, oltre ad aver inviato esposti denunce ad alcune Procure della Repubblica, ha chiesto l’intervento dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato (Agcm) che, in data 12 aprile 2012, ha avviato un procedimento volto ad accertare pratiche commerciali scorrette, ai sensi del codice del consumo di cui al decreto legislativo n. 206 del 2005;

il procedimento dell’Agcm, PS/7682, ha all’oggetto: “Comunicazione di avvio del procedimento ai sensi dell’art. 27, comma 3, del Decreto Legislativo 6 settembre 2005, n. 206 e successive modificazioni (di seguito, Codice del Consumo), nonché ai sensi dell’art. 6 del Regolamento sulle procedure istruttorie in materia di pratiche commerciali scorrette (di seguito, Regolamento), adottato dall’Autorità con delibera del 15 novembre 2007 e contestuale richiesta di informazioni ai sensi dell’art. 12, comma 1, del Regolamento”;

secondo informazioni acquisite ai fini dell’applicazione del codice del consumo di cui al decreto legislativo n. 206 del 2005, sulla base della nota inviata dal Ministero dello sviluppo economico e delle segnalazioni dell’associazione Adusbef e di alcuni consumatori pervenute nel periodo luglio 2011 – marzo 2012, l’Agenzia Debiti SpA avrebbe diffuso, a mezzo Internet e a mezzo posta elettronica (con modalità di diffusione assimilabili allo spamming), un messaggio ingannevole che pubblicizza la propria attività di consulenza per ridurre l’esposizione debitoria dei destinatari e salvaguardare dall’aggressione dei creditori (ivi incluse le richieste del Fisco) il patrimonio del debitore;

a quanto risulta all’interrogante nel procedimento è scritto che da una rilevazione effettuata in data 23 marzo 2012, risulterebbe che nella parte centrale della home page del sito del professionista (www.agel1ziadebiti.it) sono riportate le seguenti affermazioni all’interno della sezione “I nostri servizi”: “Qual è la nostra principale attività? Noi di Agenzia Debiti facciamo in modo che le persone e le famiglie indebitate chiudano i loro debiti con uno sconto che può arrivare fino al 70%. Se una famiglia ad esempio ha 30.000 € di debiti perché ha ottenuto un prestito da una Finanziaria ma, suo malgrado, non riesce a restituirli, il nostro lavoro consiste nel fargli chiudere questo debito a 10. 000 €. In un caso del genere la nostra tariffa è di 3.000 € pagabili anche a rate. Alla fine, quindi, la famiglia paga 13. 000 € anziché 30.000 e risparmia di fatto 17.000 euro. La seconda nostra attività è di opporci ad ogni atto di Equitalia, Agenzia delle Entrate, INPS e del Fisco in genere attraverso accesso agli atti e ricorsi alla commissione tributaria in ogni grado di giudizio (primo, secondo e terzo grado). Il nostro lavoro consente quindi agli indebitati di riuscire legalmente a posticipare, rateizzare, diminuire o annullare i debiti siano essi con il Fisco, Stato, Creditori, Banche e Finanziarie, difendersi dagli accertamenti del Fisco e di altri Creditori, proteggere il proprio patrimonio dagli attacchi dei Creditori, proteggere il Patrimonio immobiliare (case, terreni, ecc.) e mobiliare (titoli, azioni, obbligazioni, conti correnti, autovetture, ecc.) a titolo preventivo da eventuali attacchi di creditori in genere (fornitori, Stato, Fisco, ecc.) anche attraverso strumenti giuridici tutelati dalla Legislazione Italiana ed internazionale dovrebbe essere una pratica che tutti dovrebbero fare”;

a quanto risulta all’interrogante, l’Agcm nella lettera di notifica scrive ancora che il destinatario del messaggio viene quindi sollecitato a contattare il numero verde 800.94.80.40 per ricevere consulenza o a compilare un modulo disponibile on line con il seguente invito “inviaci la tua richiesta gratis – qualsiasi questa sia – e ti risponderemo per risolvere prima possibile il tuo problema”;

nel messaggio trasmesso attraverso posta elettronica (spamming), acquisito agli atti dalla Direzione in data 31 gennaio 2012 e 8 marzo 2012, si legge: “Sistemi Legali per non pagare i Debiti quando Non Riesci a Pagare (…) Assistenza Legale per non Pagare del tutto i Debiti a Banche e Finanziarie se non ce la fai più a pagare. Rate ed interessi più bassi per il Mutuo che fatica a pagare: stop a pignoramenti ed aste. Debiti Fiscali: Opposizione alle richieste di Agenzia delle Entrate ed Equitalia per accertamenti e cartelle esattoriali Proteggiamo il tuo Patrimonio mobiliare ed immobiliare quando legalmente possibile”;

inoltre, nelle segnalazioni pervenute all’Agcm si lamenterebbe che i consumatori, contattata l’Agenzia debiti per ricevere informazioni in ordine alla natura dell’attività svolta dal professionista, sarebbero invitati al pagamento di un importo pari a 390 euro per l’espletamento di pratiche in materia debitoria cui farebbe seguito, solo in un momento ulteriore, una più esosa richiesta verbale di denaro per la reale trattazione delle stesse;

secondo l’Agcm i comportamenti descritti potrebbero integrare una violazione degli articoli 20, 21 e 22 del citato codice del consumo, in quanto contrari alla diligenza professionale e idonei a indurre in errore il consumatore medio riguardo alle caratteristiche del servizio offerto, con particolare riferimento alla natura stessa dell’attività di consulenza del professionista e alle relative condizioni economiche;

considerato che:

secondo fonti qualificate le cosiddette agenzie debiti avrebbero registrato un vero e proprio boom dei loro clienti, complice la crisi. La sola Agenzia Debiti riceve ogni anno circa 240.000 richieste da parte di debitori e il confronto tra l’ultimo trimestre 2011 e il primo trimestre 2012 vede un aumento di potenziali clienti pari al 67 per cento. Anche Assistenza Debiti di Guido Rini vede incrementare i suoi clienti: sono circa 50.000 le richieste annue e la crisi fa avanzaare il settore;

dai forum delle associazioni di consumatori, emerge inoltre che taluni cittadini indebitati con banche, finanziarie, ed oggetto di recupero crediti da parte di Equitalia e/o altre agenzie fiscali, vengono contattati da Agenzia Debiti, senza spiegarsi chi siano le talpe che offrono a soggetti che si comportano come sciacalli, i nominativi da contattare a colpo sicuro poiché afflitti dall’angoscia di non poter restituire soldi o onorare i propri impegni perché hanno subito licenziamenti, malattie, traversie, guai familiari o altre disavventure,

si chiede di sapere:

poiché il Governo è al corrente delle attività estorsive, sciacallesche e truffaldine di Agenzia Debiti, oggetto di indagine dell’Agcm e di ben due atti di sindacato ispettivo dell’interrogante (4-06545 e 2-00450), quali siano le ragioni reali degli omessi interventi per contrastare e punire prassi fraudolente a danno dei consumatori e dei soggetti più deboli ed indifesi perché colpiti dalla crisi economica e dalla perdita del posto di lavoro;

se il Governo intenda tollerare i comportamenti di Agenzia Debiti, che propaganda di tutelare persone e famiglie indebitate per chiudere i loro debiti con uno sconto fino al 70 per cento, ingannando così famiglie impegnate con 30.000 euro di debiti che non riescono a restituire, prospettando loro di chiudere il debito a 10.00 euro, dietro pagamento di una tariffa di 3.000 euro pagabili anche a rate, imbrogliando in realtà quelle stesse famiglie che dovrebbero pagare 13.000 euro, risparmiandone 17.000, in quanto, oltre a non metterle nelle condizioni di assolvere all’impegno, vengono poste a carico dei contraenti spese improprie che ne aggravano la posizione debitoria invece di risolverla;

se, in una fase di crisi economica difficilissima e di imprenditori che arrivano a gesti estremi perché strozzati dalla mancanza di credito e/o perseguitati da Equitalia ed altre agenzie fiscali, intenda tollerare che privati e piccoli imprenditori, in gravissime difficoltà economiche anche nei riguardi di banche, finanziarie ed agenzie fiscali, cadano nelle grinfie di soggetti spregiudicati che promettono di risolvere i loro problemi previo pagamento di centinaia di euro, che si aggiungono ai 390 euro richiesti come versamento iniziale, prospettando un successo di riuscita delle loro azioni del 70 per cento, senza poi permettere loro di raggiungere l’obiettivo, ed aggravando per giunta la situazione debitoria delle malcapitate vittime dell’Agenzia Debiti;

se sia in grado di individuare eventuali collusioni esistenti tra agenzie debiti con banche, finanziarie, Equitalia ed altre agenzie fiscali, e se a giudizio del Governo le segnalazioni, da parte di chicchessia alle agenzie debiti, di nominativi in difficoltà economiche, con la finalità di sottrarre loro ulteriori risorse, oltre a violare la legge sulla privacy non costituiscano aperta violazione di norme penali a tutela dei cittadini e delle famiglie;

quali misure urgenti intenda attivare per impedire che, nella crisi sistemica, prodotta dall’avidità dei banchieri, la precarietà ed il disagio sociale possano essere aggravati da parte di spregiudicati soggetti come Agenzie Debiti e se non intenda promuovere l’inasprimento delle disposizioni penali rispetto a soggetti che, approfittando dello stato di bisogno di tantissimi consumatori, arrivano a fondare il proprio core business sulle disgrazie, promettendo di risolvere problemi che invece vengono aggravati.

Senza categoria

Leave a Reply